Aspergillus nella fibrosi cistica: identificati alcuni fattori di rischio per i più piccoli


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • La presenza di Aspergillus è stata rilevata nelle colture del lavaggio broncoalveolare (BAL) del 17,9% dei bambini di 5 anni affetti da fibrosi cistica (CF) e coinvolti dalla nascita in uno studio sul confronto tra terapie mirate o standard.
  • L’analisi delle colture BAL effettuate nei diversi anni di studio mostra che il rischio di trovare Aspergillus cambia dopo il primo anno e in caso di precedenti episodi di infezione sia da Aspergillus che da Pseudomonas aeruginosa.
  • Il rischio inoltre aumenta in seguito a ogni procedura per l’eradicazione di P. aeruginosa e subito dopo il completamento della terapia.

Descrizione dello studio

  • Analisi secondaria di ACFBAL, studio randomizzato su terapia mirata o standard nei bambini con CF nei primi 5 anni di vita (1999-2009).
  • Sono stati ricercati i fattori predittivi per il rilevamento di Aspergillus nelle colture BAL.
  • Un modello parametrico time-to-event ripetuto è stato usato per descrivere quantitativamente il rischio e i fattori associati all'acquisizione di Aspergillus e di P. aeruginosa dalla nascita fino all'età di 5 anni.
  • Fonti di finanziamento: National Health and Medical Research Council, Children’s Hospital Foundation Queensland.

Risultati principali

  • L’analisi delle colture BAL effettuate alla fine di ACFBAL di 156 bambini (età media 5,05 anni [4,77-6,30]) ha mostrato che in 28 (17,9%) è cresciuto Aspergillus.
  • Il numero di procedure per l’eradicazione di P. aeruginosa era una variabile predittiva per il rilevamento di Aspergillus all’età di 5 anni: ogni procedura aumentava l’OR di 1,61 (IC 95% 1,23 a 2,12).
  • L’età media della prima coltura positiva era di 2,38 anni (interquartile range [IQR] 1,32-3,79) per P. aeruginosa e di 3,69 anni (IQR 1,68-4,74) per Aspergillus.
  • Il rischio di episodi di P. aeruginosa e Aspergillus cambiavano con il tempo dopo il primo anno di entrata nello studio.
  • Dopo aver completato la terapia di eradicazione di P. aeruginosa, il rischio di episodi di P. aeruginosa diminuivano (HR 0,15, IC 95% 0,00 a 0,79), ma quelli di Aspergillus aumentavano (HR 2,75, IC 95% 1,45 a 5,41).
  • Il rischio di avere una delle due infezioni aumentava in caso di un episodio precedente.

Limiti dello studio

  • Mancanza di generalizzabilità: esistono diverse terapie di eradicazione di P. aeruginosa.
  • Non valutato il numero di colture di BAL per bambino.
  • Possibili errore di classificazione di episodi di Aspergillus.

Perché è importante

  • Nella CF i fattori che possono determinare l’acquisizione di Aspergillus, come la terapia inalatoria prevista per l’infezione da P. aeruginosa, sono conosciuti negli adulti e nei bambini più grandicelli, ma non in quelli con meno di 5 anni di età.
  • Sono necessari studi per determinare se Aspergillus è semplicemente un marker della disbiosi delle vie aeree inferiori associata alla CF o una causa di danno polmonare progressivo.