Asm rivuole indennità reperibilità da 250 medici, stop Regione


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Matera, 8 gen. (AdnKronos Salute) - Si è tenuto a Potenza, nella sede della Regione Basilicata, l'incontro convocato dall'assessore alla Sanità Rocco Leone sul contestato provvedimento dell'azienda sanitaria della provincia di Matera per il recupero da circa 250 medici delle indennità di reperibilità nei giorni feriali per un periodo pluriennale. Secondo l'Asm tali indennità non erano dovute, mentre la Regione è di altro parere perché i medici hanno sopperito a carenze di organico su disposizione della stessa azienda sanitaria.

"Considerata la forte resistenza dimostrata anche in questa sede dalla direzione amministrativa dell'Asm - afferma Leone - il Dipartimento regionale invierà all'azienda una comunicazione ufficiale per chiedere la sospensione del provvedimento con cui è stato avviato il recupero delle indennità di reperibilità nei confronti di circa 250 medici. Nel frattempo, al fine di approfondire ulteriormente la questione, chiederò un incontro urgente al procuratore della Corte dei conti e inviterò la IV Commissione consiliare ad ascoltare il direttore amministrativo dell'Asm, Raffaele Giordano".

Presenti all'incontro anche i rappresentanti sindacali e il presidente dell'Ordine dei medici della provincia di Matera, Severino Montemurro. "Il Dipartimento - assicura Leone - continuerà a seguire la vicenda con la massima attenzione e a stare dalla parte degli specialisti che in tutti questi anni hanno garantito il servizio, su richiesta dell'azienda, nell'interesse esclusivo dei pazienti. Eventuali responsabilità vanno attribuite a coloro che nel periodo in esame guidavano l'Asm".