Asl Sulcis, deliberato atto aziendale

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Carbonia, 18 nov. (Adnkronos Salute) - E’ stato deliberato (con Delibera del DG n. 324 del 18.11) l’Atto Aziendale della ASL Sulcis , il documento con cui viene delineata la nuova organizzazione e articolazione di governo dell’Azienda. Il documento, redatto secondo le linee guida regionali, ha previsto un confronto serrato e proficuo al termine del quale si è tenuto conto delle puntuali osservazioni e integrazioni richieste dalla Conferenza sociosanitaria territoriale.

Nel documento è descritta l’organizzazione dei servizi sanitari afferenti ai tre livelli assistenziali, rispettivamente dell’assistenza ospedaliera, dell’assistenza distrettuale e dell’assistenza collettiva e degli ambienti di vita e di lavoro In particolare nell’atto aziendale sono indicati i Dipartimenti (che ritornano ad essere aziendali dopo la parentesi “interaziendale” prevista nel periodo ATS), le Strutture complesse e le Strutture semplici dipartimentali.

Nell’individuazione delle Strutture Complesse Ospedaliere si sono obbligatoriamente rispettati i numeri dell’attuale rete ospedaliera e dei posti letti indicati per l’Asl Sulcis. Il modello ospedaliero prevede degli asset strategici di intervento e di cambiamento organizzativo/potenziamento clinico. Le maggiori novità riguardano le prospettive organizzative di collegamento tra ospedale e territorio e l’indispensabile integrazione tra assistenza sociale e sanitaria. Di grande rilevanza nella riorganizzazione territoriale è l’istituzione delle Centrali operative territoriali (COT), e delle Case di Comunità e degli Ospedali di Comunità. Sempre per la valorizzazione e il potenziamento della sanità nei piccoli Comuni è prevista l’attivazione della telemedicina e la predisposizione di un Piano territoriale dedicato ai pazienti anziani, fragili e disabili.