Asl Lecce, 'virus continua a circolare in residenze sanitarie anziani, interessate 15 strutture'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Lecce, 28 nov. (Adnkronos Salute) - “Nonostante lo stato di emergenza sia cessato, il virus continua a circolare diffusamente e i contagi aumentano anche in provincia di Lecce. Prova ne è il numero di casi rilevati in diverse Rsa ed Rssa: sono 15 le strutture con ospiti positivi tra cui 6 con più di 10 casi e 4 con più di 20 casi". Lo rende noto la Asl del capoluogo salentino. Tra le residenze sanitarie per anziani più colpite c’è la Rsa ‘Villa Santa Lucia’ di Scorrano dove su 30 ospiti, 29 sono risultati positivi: 3 di loro sono purtroppo deceduti, 2 sono stati ricoverati, uno di loro non era vaccinato, l’altro non aveva completato il ciclo primario di vaccinazione. "Gli altri, ancora in struttura, sono monitorati da medici e infermieri del Distretto Socio Sanitario di Maglie", precisa la Azienda sanitaria.

La Direzione strategica della Asl ribadisce l’urgenza della dose booster per anziani, pazienti fragili e immunocompromessi.  “Grazie al vaccino - ha commentato il commissario straordinario di Asl Lecce Stefano Rossi - le forme più cruente dell’infezione sono meno diffuse ma tra i soggetti più esposti e a rischio ci sono gli anziani. Per loro la campagna vaccinale non si è mai fermata e proprio in queste settimane il Dipartimento di prevenzione si sta adoperando per la somministrazione della quarta dose per gli over 80 e per i soggetti fragili ospiti delle Rsa. Invitiamo quindi le strutture che, per le ragioni più diverse, non avessero provveduto a organizzare le sedute per la seconda dose di richiamo per gli ospiti – continua - a contattare il Sisp del Distretto Socio sanitario di afferenza. E' sempre necessario inoltre che gli operatori sanitari che assistono persone fragili adottino tutti i dispositivi di protezione individuali e che siano comunque vaccinati in linea con le norme della Regione Puglia”.