ASH 2020 - LMA: essere di colore è legato a scarsa sopravvivenza

  • Bhatnagar B & al.
  • Cancer Discov

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Essere di colore è un fattore di rischio chiave di scarsa sopravvivenza per i pazienti con leucemia mieloide acuta (LMA).

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono un’interazione tra diversi fattori che influenzano le disparità nella sopravvivenza, specialmente per i pazienti di colore più giovani con LMA.

Disegno dello studio

  • Un’analisi di popolazione ha incluso 11.190 adulti di età compresa tra 18 e 60 anni con diagnosi di LMA tra il 1986 e il 2015, identificati nel programma Surveillance, Epidemiology, and End Results (SEER).
  • È stata effettuata la profilazione mutazionale di 1.339 pazienti trattati con protocolli di prima linea di Alliance for Clinical Trials in Oncology (Alliance). 
  • Finanziamento: National Cancer Institute; altri.

Risultati principali

  • Sebbene la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) sia migliorata negli ultimi 3 decenni, le disparità in termini di sopravvivenza tra i pazienti di colore e caucasici sono aumentate nel tempo (P<0,001).
  • È stata osservata una differenza significativa in termini di sopravvivenza tra pazienti di colore e caucasici nel periodo 1996-2005 (P=0,004).
  • I pazienti con LMA di colore più giovani hanno evidenziato una sopravvivenza peggiore rispetto ai pazienti con LMA caucasici più giovani.
  • Nei pazienti di colore, rispetto a quelli caucasici, trattati con protocolli Alliance:
    • la sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) mediana era di 0,8 rispetto a 1,4 anni (P=0,02);
    • la OS mediana era di 1,2 rispetto a 1,8 anni (P=0,02).
  • Le mutazioni di FLT3-ITD e IDH2 sono risultate associate a un maggior rischio di mortalità nei pazienti di colore.

Limiti

  • Non sono state valutate le differenze nelle cure di follow-up tra pazienti caucasici e di colore.