ASCO: nuove linee guida per oxaliplatino nel tumore del colon in stadio III

  • Lieu C & al.
  • J Clin Oncol
  • 15/04/2019

  • Oncology guidelines update
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’American Society of Clinical Oncology (ASCO) ha pubblicato nuove linee guida che prevedono un ciclo di 3 mesi di chemioterapia adiuvante a base di oxaliplatino per i pazienti a basso rischio affetti da tumore del colon in stadio III sottoposto a resezione completa.

Perché è importante

  • Fino a poco tempo fa lo standard di cura prevedeva un ciclo di trattamento di 6 mesi, ma le nuove linee guida includono i dati della Collaborazione internazionale per la valutazione della durata della chemioterapia adiuvante (International Duration Evaluation of Adjuvant Chemotherapy Collaboration), che ha confrontato la sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) e gli eventi avversi della chemioterapia a base di fluoropirimidina e oxaliplatino di varia durata.  

Punti chiave

  • Ai pazienti ad alto rischio di recidiva (stadio T4 e/o N2) deve essere offerta terapia per 6 mesi (forza della raccomandazione: moderata).
  • Ai pazienti a basso rischio di recidiva (stadio T1, T2 o T3 e N1) può essere offerta terapia adiuvante per 6 o 3 mesi, considerato che la terapia di durata più breve può potenzialmente ridurre eventi avversi quali neurotossicità sensoriale e non è associata ad alcuna differenza significativa in termini di DFS (forza della raccomandazione: moderata).
  • La selezione della durata della terapia dovrebbe essere una decisione condivisa e deve tenere in considerazione le caratteristiche, i valori e le preferenze del paziente, la completezza della resezione, il numero di linfonodi esaminati, lo stato funzionale, le comorbilità e altre caratteristiche (forza della raccomandazione: forte).