ASCO-GU 2021 — Tumore prostatico: il punteggio CCR può guidare il trattamento dopo la radioterapia

  • Tward JD.
  • ASCO GU

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il punteggio clinico combinato di rischio del ciclo cellulare (clinical cell-cycle risk, CCR), derivato da fattori sia clinici sia genetici, può identificare i pazienti affetti da tumore prostatico localizzato a rischio intermedio e alto per i quali potrebbe non essere necessaria la terapia di deprivazione androgenica (androgen deprivation therapy, ADT).

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono che i pazienti con CCR <2,112 non ottengono alcun beneficio aggiuntivo combinando ADT e radioterapia.

Disegno dello studio

  • Studio di 741 pazienti con tumore prostatico localizzato a rischio intermedio o alto che hanno ricevuto radioterapia con o senza ADT.
  • I test genetici sono stati eseguiti su campioni bioptici conservati, anni dopo il trattamento ricevuto dai pazienti.
  • È stata usata una soglia per il CCR di 2,112.
  • Finanziamento: Myriad Genetics, Inc.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 5,9 anni.
  • Il punteggio CCR è risultato associato a un rischio significativo di metastasi:
    • HR=2,21 (P<0,001).
  • Il punteggio CCR ha evidenziato una maggiore probabilità di metastasi (indice C, 0,78) rispetto a:
    • gruppo di rischio secondo il National Comprehensive Cancer Network (NCCN; indice C, 0,70);
    • punteggio di valutazione del rischio per il tumore prostatico (Cancer of the Prostate Risk Assessment, CAPRA; indice C, 0,71) e
    • punteggio chemioterapia dopo la prostatectomia (chemotherapy after prostatectomy, CAP; indice C, 0,69).
  • I pazienti con punteggio CCR inferiore alla soglia presentavano un rischio di metastasi a 10 anni del 4,2%.
  • Punteggi superiori alla soglia sono risultati associati a un rischio di metastasi a 10 anni del 25,3%.
  • I pazienti con punteggi CCR inferiori alla soglia presentavano un rischio di metastasi a 10 anni simile, sia nel gruppo trattato solo con radioterapia sia nel gruppo sottoposto a radioterapia + ADT (4,2% vs. 3,9%).

Limiti

  • Studio retrospettivo.