ASCO-GU 2019—Vantaggio in termini di OS per abiraterone+prednisone+ADT nel tumore prostatico metastatico


  • Melissa Pandika
  • Univadis
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nell'analisi finale di una sperimentazione di fase 3, abiraterone acetato e prednisone (AA+P) in combinazione con la terapia di deprivazione androgenica (androgen deprivation therapy, ADT) hanno continuato a mostrare un vantaggio significativo in termini di sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) rispetto a placebo+ADT nei pazienti con tumore prostatico naïve alla castrazione metastatico ad alto rischio, di nuova diagnosi (newly diagnosed, high-risk metastatic castration-naive prostate cancer, NDx-HR mCNPC).

Perché è importante

  • I risultati giustificano l'aggiunta di AA+P ad ADT come standard di cura nell'NDx-HR mCNPC.

Disegno dello studio

  • Analisi finale della sperimentazione di fase 3 LATITUDE, che ha assegnato casualmente 1199 pazienti con un rapporto 1:1 ad AA (1 g una volta al giorno) + P (5 mg una volta al giorno) + ADT, o placebo+ADT.
  • Endpoint primario: OS.

Risultati principali

  • Follow-up mediano: 51,8 mesi.
  • Sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana: 53,3 mesi nel braccio AA+P+ADT, 36,5 mesi nel braccio placebo+ADT (HR: 0,7; P
  • Tempo mediano dalla randomizzazione alla progressione durante terapia successiva/decesso: 53,3 mesi nel braccio AA+P+ADT, 30,1 mesi nel braccio placebo+ADT (HR: 0,6; P
  • Eventi avversi gravi: 32,2% dei pazienti nel braccio AA+P+ADT, 25,1% dei pazienti nel braccio placebo+ADT.
  • I risultati sono compatibili con le analisi ad interim, nelle quali AA+P+ADT ha dimostrato un vantaggio significativo in termini di OS.

Limiti

  • Dal momento che AA+P+ADT è destinato a una condizione che necessita di trattamento, soddisfa endpoint importanti, dimostra una tossicità accettabile e non compromette la successiva efficacia di trattamento, potrebbe cambiare la prassi, ma solo se disponibile ed economicamente accessibile.