ASCO 2022 – Dati di alta qualità nei tumori rari aiutano a definire il miglior trattamento per il sarcoma di Ewing

  • Univadis
  • Conference Report
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’ifosfamide ad alto dosaggio è risultato più efficace nel prolungare la sopravvivenza nel sarcoma di Ewing recidivante e primitivo refrattario (recurrent and primary refractory Ewing sarcoma, RR-ES) rispetto a topotecan + ciclofosfamide, nonostante il maggior numero di interruzioni del trattamento dovute a tossicità.
  •  Prima di questa sperimentazione non era stato possibile identificare il regime più efficace o più tossico.

 

Perché è importante

  • La sopravvivenza a 5 anni nell’RR-ES è < 15%; alla progressione vengono utilizzati diversi regimi.
  • Mancano evidenze di buona qualità, uno standard di cura e fondamenta di consenso per i nuovi agenti.
  • Sono necessari dati comparativi sulla tossicità e sulla sopravvivenza per i regimi comuni.

 

Disegno dello studio

  • rEECur: sperimentazione di fase 2/3, con disegno adattivo multi-braccio multi-stadio volta a confrontare 4 diversi regimi chemioterapici: gemcitabina-docetaxel, irinotecano-temozolomide, topotecan-ciclofosfamide e ifosfamide ad alto dosaggio (3.000 mg/m2).
  • 451 pazienti in Europa, di età compresa tra 4 e 50 anni, il 66% alla prima recidiva.
  • Sono stati presentati i risultati della sperimentazione di fase 3.
  • Esito primario: sopravvivenza libera da eventi (event-free survival, EFS).
  • Esiti secondari: sopravvivenza complessiva (overall survival, OS), tossicità, qualità della vita (quality of life, QoL).

 

Risultati principali

  • Dopo le valutazioni ad interim, l’arruolamento nei gruppi trattati con gemcitabina-docetaxel e irinotecano-temozolomide è stato interrotto.
  • È risultato improbabile che i due regimi fossero più efficaci di uno qualsiasi di quelli dei bracci di fase 3 (ifosfamide e topotecan-ciclofosfamide).
  • EFS mediana: 5,7 mesi con ifosfamide rispetto a 3,7 mesi con topotecan-ciclofosfamide (rispettivamente 47% e 37%, a 6 mesi).
  • OS mediana: 15,4 mesi con ifosfamide rispetto a 10,5 mesi con topotecan-ciclofosfamide (rispettivamente 55% e 45%, a 12 mesi).
  • I benefici dell’ifosfamide, rispetto a topotecan-ciclofosfamide, sono stati più evidenti nei bambini rispetto agli adolescenti/adulti.
  • Tassi simili di infezioni neutropeniche nei due gruppi, ma una tossicità renale e cerebrale più grave con ifosfamide.
  • QoL: migliore con ifosfamide nei bambini, ma non negli adulti.

 

Finanziamento

  •  Cancer Research UK, Commissione Europea, altra Fondazione.

 

Il commento degli esperti

“Questi dati sono potenzialmente in grado di cambiare la pratica clinica. I risultati della sperimentazione rEECur potrebbero aiutare i medici a discutere con i pazienti e le rispettive famiglie la probabilità di risposta, la sopravvivenza e la tossicità di ogni regime disponibile per il sarcoma di Ewing recidivante in base a dati oggettivi e randomizzati”. Vicki L. Keedy, Esperto in sarcomi dell’ASCO.