ASCO 2019 — La lurbinectedina evidenzia benefici nella terapia di seconda linea dell’SCLC


  • Hao Cheng, MD
  • Oncology Conference reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La lurbinectedina, un inibitore della trascrizione, è emersa come potenziale nuova alternativa terapeutica di seconda linea per il tumore del polmone a piccole cellule (small-cell lung cancer, SCLC).

Perché è importante

  • Il topotecano è l’unico agente di seconda linea attualmente approvato; determina un beneficio clinico solo modesto, con significativa tossicità ematologica.
  • La lurbinectedina inibisce la trascrizione attivata e induce rotture del doppio filamento del DNA, causando apoptosi. Uno studio precedente ha dimostrato attività antitumorale nell’SCLC in combinazione con doxorubicina.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2, multicentrica, a gruppo singolo di 105 pazienti sottoposti a 1 precedente linea di chemioterapia; tutti hanno ricevuto lurbinectedina 3,2 mg/m2 come infusione endovenosa di 1 ora il giorno 1 di ogni ciclo di 21 giorni.
  • L'endpoint primario era il tasso di risposta complessiva (overall response rate, ORR) confermata secondo i criteri RECIST v1.1. L’ORR bersaglio era ≥30%.

Risultati principali

  • In tutti i pazienti:
    • l’ORR era del 35,2%, superiore al bersaglio stabilito per lo studio;
    • la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana era di 3,9 mesi;
    • la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana era di 9,3 mesi.
  • L’attività antitumorale è risultata notevole nella malattia sensibile (intervallo senza chemioterapia >90 giorni: ORR del 45,0%) e nella malattia resistente (intervallo senza chemioterapia >90 giorni: ORR del 22,2%).
  • Durata mediana della risposta: 6,2 mesi nella malattia sensibile, 4,7 mesi nella malattia resistente.
  • OS mediana: 15,2 mesi nella malattia sensibile, 5,1 mesi nella malattia resistente.
  • Gli eventi avversi correlati più comuni sono neutropenia (grado 1–2 5,7%; grado 3–4 22,9%), nausea (grado 1–2 32,4%), vomito (grado 1–2 18,1%) e stanchezza (grado 1–2 54,1%; grado 3–4 6,7%).

Limiti

  • Disegno a gruppo singolo.