ASCO 2019 — La combinazione adiuvante pemetrexed-cisplatino offre un’opzione più sicura per l’NSCLC non squamoso


  • Hao Cheng, MD
  • Oncology Conference reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Pemetrexed+cisplatino non sono inferiori a vinorelbina+cisplatino in termini di sopravvivenza libera da recidiva (recurrence-free survival, RFS) nei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule non squamoso (nonsquamous non-small cell lung cancer, NS-NSCLC) in stadio II–IIIA sottoposto a resezione completa e possono essere tollerati meglio.

Perché è importante

  • Nonostante studi di fase 3 precedenti dimostrino l’efficacia della chemioterapia adiuvante a base di cisplatino per l’NSCLC sottoposto a resezione, non è ancora chiaro quale regime sia più efficace.
  • Lo studio JIPANG è la prima sperimentazione di fase 3 a valutare la combinazione pemetrexed+cisplatino come chemioterapia adiuvante.

Disegno dello studio

  • Ottocentoquattro pazienti con NS-NSCLC in stadio p II–IIIA sottoposto a resezione completa sono stati assegnati casualmente a vinorelbina+cisplatino o pemetrexed+cisplatino.
  • Endpoint primario: RFS; gli endpoint secondari includevano sopravvivenza complessiva (overall survival, OS), tasso di completamento del trattamento e tossicità.
  • Finanziamento: AstraZeneca/MedImmune; Boehringer Ingelheim; Chugai Pharma.

Risultati principali

  • Pemetrexed+cisplatino non differivano significativamente da vinorelbina+cisplatino in termini di RFS o OS dopo un follow-up mediano di 45,2 mesi.
  • Il tasso di completamento del trattamento era significativamente maggiore con pemetrexed+cisplatino rispetto a vinorelbina+cisplatino (87,9% rispetto a 72,7%).
  • Pemetrexed+cisplatino erano associati a tassi significativamente inferiori di alopecia di qualsiasi grado (2,3% rispetto a 25,8%), neutropenia febbrile (0,3% rispetto a 11,6%), riduzione della conta dei neutrofili (78,3% rispetto a 95,5%), riduzione dei globuli bianchi (71,6% rispetto a 94,7%) e anemia (53,2% rispetto a 76,5%) rispetto a vinorelbina+cisplatino (tutti P

Limiti

  • Popolazione specifica giapponese.