ASCO 2019 — Iomab-B evidenzia benefici nella sperimentazione di fase 3 sulla LMA refrattaria/recidivante


  • David Reilly
  • Oncology Conference reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni 

  • Nei pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante/refrattaria (LMA R/R) attiva, il condizionamento mirato mediante radioimmunoterapia con iodio (131I) apamistamab (Iomab-B) in monoterapia riduce rapidamente i blasti periferici e tutti i pazienti trattati con Iomab-B riescono ad ottenere un attecchimento in base alla conta assoluta dei neutrofili (absolute neutrophil count, ANC) dopo una mediana di 13 giorni.

Perché è importante

  • Le evidenze suggeriscono che una rapida clearance dei blasti periferici dopo la chemioterapia citotossica per LMA è predittiva di remissione completa (complete remission, CR) e della sopravvivenza libera da recidiva (relapse-free survival, RFS).

Disegno dello studio

  • Studio di fase 3 SIERRA di Iomab-B (un anticorpo anti-CD45 marcato con iodio) di 150 pazienti di età >55 anni affetti da LMA R/R.
  • I pazienti sono stati assegnati casualmente a ricevere Iomab-B e trapianto allogenico di cellule emopoietiche (allogeneic hematopoietic cell transplantation, allo-HCT; n=19) oppure chemioterapia convenzionale (CC; n=19) seguita da HCT nei pazienti che avevano ottenuto remissione completa (CR).
  • I risultati sono stati valutati nel primo 25% dei pazienti (n=38).
  • I pazienti che non hanno ottenuto CR potevano passare a Iomab-B.
  • Diciannove pazienti hanno ricevuto lomab-B direttamente; 10 hanno ricevuto Iomab-B dopo crossover.
  • Finanziamento: Actinium Pharmaceuticals.

Risultati principali

  • Riduzione del 98% della conta assoluta dei blasti il giorno 3 (P
  • Riduzione del 100% della conta assoluta dei blasti il giorno 8 (P
  • Mediana di 13 giorni (intervallo 9–22 giorni) all’attecchimento in base all’ANC con Iomab-B; tutti i pazienti trattati con lomab-B hanno ottenuto l’attecchimento.

Limiti

  • Studio in aperto; campione di dimensioni limitate.