Artrite reumatoide e mondo del lavoro: Paese che vai, regolamento che trovi


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Tra le diverse nazioni europee si osserva una grande eterogeneità nei regolamenti dei sistemi di previdenza sociale per quanto riguarda la disabilità lavorativa dei pazienti con artrite reumatoide (AR).
  • Queste differenze possono influenzare fortemente le possibilità dei pazienti di tornare al lavoro.
  • Sistemi di welfare nazionali, reddito o appartenenza all’Unione Europea non giustificano tale eterogeneità.
  • È importante rendere più omogeneo e armonico questo scenario.  

Descrizione dello studio

  • Nello studio esplorativo sono stati condotti 3 sondaggi in 50 Paesi europei.
  • Uno ha coinvolto un reumatologo per paese, raccogliendo informazioni su (re-)integrazione professionale e sistemi di previdenza sociale in caso di assenze per malattia e disabilità professionale a lungo termine legata ad AR.
  • Gli altri due sondaggi, sulla percezione riguardo le misure di previdenza sociale per la partecipazione al lavoro hanno coinvolto, rispettivamente, 15 reumatologi e 15 pazienti per paese.
  • Le differenze osservate sono state confrontate tra diverse categorie definite in base al prodotto interno lordo (PIL), al tipo di regime di welfare, all’appartenenza all’Unione Europea (EU) e ai tassi nazionali di assenza per malattia legati ad AR.

Risultati principali

  • In totale, 44 persone (88%) hanno fornito dati sui regolamenti di previdenza sociale, 33 (75%) sulla percezione dei reumatologi e 34 (77%) sulla percezione dei pazienti.
  • In termini di regolamenti sono state osservate notevoli differenze tra i Paesi, ma non sono emerse relazioni tra la maggior parte dei regolamenti e PIL, tipo di sistema di previdenza sociale o tassi di assenza per malattia.
  • I reumatologi nei Paesi con PIL alto e membri dell’EU si sentivano meno sicuri del proprio ruolo nel processo decisionale legato all’assenza per malattia.
  • I sistemi scandinavo e bismarckiano (di paesi dell’Europa nord-occidentale) hanno ottenuto i punteggi migliori tra pazienti e reumatologi sulla percezione del funzionamento del sistema.

Limiti dello studio

  • Non esistono questionari validati per misurare regolamenti e percezioni legati alla previdenza sociale.
  • Lo studio ha natura esplorativa.
  • L’applicazione reale delle regole può differire anche molto rispetto alla regola formale.

Perché è importante

  • L’AR ha un impatto molto forte sulla capacità funzionale e lavorativa.