Aran, accordo contratto comparto sanità potrebbe slittare oltre settembre

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 15 set. (Adnkronos Salute) - Potrebbe slittare il rinnovo del contratto del comparto sanità. Lo fa capire il presidente dell'Aran, Antonio Naddeo, facendo il punto sul suo blog sulle sorti dell’ipotesi di accordo del contratto sanità 2019-2021. Ipotesi firmata da tutti i sindacati il 15 giugno scorso. "Alle osservazioni e richieste di chiarimenti del Mef fatte in data 1 agosto e a cui l’Aran ha prontamente risposto - scrive Naddeo - lo stesso Mef ha inviato un’ulteriore nota nella quale si prende atto di alcune risposte dell’Aran, ma ha anche chiesto ulteriori chiarimenti su norme del contratto non citate nella prima nota. Anche in questo caso l’Agenzia sta predisponendo la risposta, ma è difficile che tutto si possa definire per la sottoscrizione definitiva entro il mese di settembre, visto che poi il contratto deve essere certificato dalla Corte dei conti (entro 15 giorni)".

"Vorrei ricordare a tutti che la norma che regola la procedura di contrattazione e il relativo controllo dell’Ipotesi di accordo è l’articolo 47 del decreto legislativo 165/2001. In particolare il comma 4 stabilisce che l’Aran trasmetta, entro 10 giorni dalla sottoscrizione, l’ipotesi di accordo corredata da una relazione tecnica ai comitati di settore e al Governo". Cosa che l'Aran ha fatto. "Il Consiglio dei ministri (in pratica il Mef) può esprimere osservazioni entro 20 giorni dall’invio del contratto da parte dell’Aran. Sono passati più di 60 giorni, no comment", chiosa Naddeo.