Appello pediatri, 'consentiteci di fare vaccini ai bimbi nei nostri studi'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 12 ott. (Adnkronos Salute) - "Fateci vaccinare i bambini". A lanciare l'appello sono i pediatri di famiglia. "Consentiteci" di fare le iniezioni-scudo "nei nostri studi, abbiamo un ruolo strategico nell'aumento delle coperture" vaccinali "e così liberiamo risorse dei servizi territoriali. Possiamo occuparci della profilassi in occasione dei Bilanci di salute. Gli accordi su base regionale non bastano: cambiamo i modelli organizzativi, cerchiamo di non sprecare la lezione di Covid-19", è il messaggio lanciato al Governo che verrà dal presidente della Federazione italiana medici pediatri (Fimp), Antonio D'Avino, in apertura del 16esimo Congresso scientifico nazionale Fimp, in corso a Riva del Garda (Trento) fino al 15 ottobre.

"I vaccini sono la forma di prevenzione più efficace per combattere alcune delle malattie infettive che provocano gravi complicazioni alla salute dei bambini". E il pediatra di famiglia può "incidere sul successo delle campagne di prevenzione, grazie al rapporto fiduciario con le famiglie e alla capillarità assisten­ziale - osserva D'Avino - Consentire a tutti noi l'accesso all'anagrafe vaccinale è una straordinaria opportunità per la sostenibilità del Servizio sanitario nazionale". "Il nostro ambulatorio - aggiunge Giuseppe Di Mauro, segretario nazionale alle Attività scientifiche ed etiche della Fimp e presidente della Società italiana di pediatria preventiva e sociale - è ormai riferimento centrale delle cure in età pediatrica e adolescenziale, in cui viene soddisfatto oltre il 90% dei bisogni assistenziali di questa fascia d'età".

Nel corso dell'evento, spiega ancora Di Mauro saranno condivisi "strumenti di pronto utilizzo", guide pratiche dedicate a temi come disabilità, ginecologia dell'infanzia e dell'adolescenza, prevenzione incidenti, e appunto vaccinazione in sicurezza nell'ambulatorio del pediatra di famiglia. E ancora un documento con le raccomandazioni sull'alimentazione complementare e una consensus intersocietaria sull'uso giudizioso della terapia antibiotica nelle patologie respiratorie in età evolutiva e uno sul bambino e l'adolescente che praticano sport. Oltre a una guida dedicata ai dubbi dei genitori.

"Questa sedicesima edizione del Congresso nazionale - prosegue D'Avino - è un importante momento rispetto alla volontà di ribadire, come pediatri di famiglia, il ruolo sociale della nostra missione. E' proprio di pochi giorni fa la diffusione dell'ultimo report del Servizio centrale anticrimine della Polizia per la campagna 'Indifesa' di Terre des Hommes. Non si sono mai registrate così tante violenze sui minori, come nel 2021. Per la prima volta sono oltre 6mila".

"Proprio al tema del riconoscimento e della gestione dell'abuso sui minori, ha dedicato un vademecum la dottoressa Paola Miglioranzi. Il libro 'Maltrattamento e violenza nell’infanzia', di cui è coautrice, è frutto di un enorme sforzo di sistematizzazione delle nostre conoscenze e sarà presentato nel corso di una sessione riservata al tema", conclude.