Aneurisma aortico addominale: la sopravvivenza sul lungo periodo non dipende dalla tecnica chirurgica


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Tra i pazienti sottoposti a chirurgia elettiva per un aneurisma aortico addominale, la sopravvivenza sul lungo periodo è simile per i pazienti sottoposti a chirurgia endovascolare e quelli sottoposti a chirurgia a cielo aperto.
  • I pazienti sottoposti a procedure secondarie sono più numerosi nel gruppo della chirurgia endovascolare che non nel gruppo della chirurgia a cielo aperto.

 

Descrizione dello studio

  • Lo studio ha arruolato 881 pazienti che si dovevano sottoporre a chirurgia elettiva per riparare un aneurisma aortico addominale asintomatico.
  • I pazienti sono stati randomizzati: un gruppo (n=444) è stato assegnato alla chirurgia endovascolare (CEv) e un gruppo (n=437) alla chirurgia a cielo aperto (open, CO); tutti i pazienti erano eleggibili per entrambe le tecniche.
  • I pazienti sono stati seguiti per 14 anni.
  • L’esito primario era la mortalità per ogni causa.
  • Fonte di finanziamento: Department of Veteran Affairs Office of Research and Development.

 

Risultati principali

  • Durante il follow-up, sono deceduti 302 pazienti (68,0%) del gruppo CEv e 306 pazienti (70,0%) del gruppo CO (HR 0,96; IC 95% 0,82-1,13).
  • Nei primi 4 anni di follow-up, la sopravvivenza era più alta nel gruppo CEv; tra il quarto e l’ottavo anno, la sopravvivenza era più alta nel gruppo CO; dopo 8 anni di follow-up era più alta nel gruppo CEv; nessuno di questi trend era statisticamente significativo.
  • Si sono verificati 12 decessi collegati all’aneurisma (2,7%) nel gruppo CEv e 16 (3,7%) nel gruppo CO; la maggior parte dei decessi si è verificata nel periodo perioperatorio.
  • In 7 pazienti (1,6%) nel gruppo CEv si è rotto un aneurisma e in 1 paziente del gruppo CO (0,2%) si è rotto un aneurisma toracico.
  • La morte per broncopneumopatia cronica ostruttiva era più comune nel gruppo CO (8,2% contro 5,4% nel gruppo CEv).
  • Un maggior numero di pazienti del gruppo CEv è stato sottoposto a procedure secondarie (193 procedure in 117 pazienti contro 116 procedure in 85 pazienti nel gruppo CO).

 

Perché è importante

  • Due studi europei hanno mostrato che gli esiti a lungo termini sono peggiori se per riparare un aneurisma aortico addominale si usa la tecnica endovascolare e non quella a cielo aperto.
  • I risultati di questo studio contrastano con i precedenti.
  • È possibile che i dati non concordino perché gli studi europei sono iniziati molti anni fa quando le tecniche endovascolari erano agli esordi: i chirurghi mancavano di esperienza e si utilizzavano alte dosi di radiazioni associate al rischio di cancerogenesi.