Anestesisti, 'dopo 15 gennaio ci aspettiamo effetto Natale su intensive'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 21 dic. (Adnkronos Salute) - "Intorno al 15-20 gennaio vedremo un aumento, da lieve a moderato, dei ricoveri in terapia intensiva conseguenza dell'effetto Natale sull'incidenza Covid". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi-Emac), il sindacato dei medici anestesisti. "Tuttavia non siamo nella stessa situazione di due anni fa - precisa - quindi possiamo dire che questo aumento non deve preoccuparci, ma dobbiamo comunque monitorare".

"Il nostro invito - rimarca Vergallo - è di non abbandonare le misure di prevenzione durante il Natale. Ad esempio, indossare una mascherina Ffp2 in presenza di persone fragili o anziani oppure se si frequentano luoghi molto affollati. Cerchiamo di essere prudenti". Secondo l'Aaroi-Emac, "oggi nelle terapie intensive Covid, il dato generale è che c'è una piccola percentuale di pazienti ricoverati - fa il punto Vergallo - la maggior parte di chi oggi è in rianimazione non è per Covid o con Covid ma perché, diciamo fortunatamente, c'è un aumento dei ricoveri per la ripresa delle attività chirurgiche ospedaliere. Quindi molti pazienti devono fare un passaggio in terapia intensiva".