Anestesisti, 'aumenta pressione su ospedali, partita non è finita'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 10 dic. (Adnkronos Salute) - "Stiamo assistendo ad un aumento della pressione sugli ospedali con un incremento dei ricoveri, ci preoccupa la situazione in Veneto, nelle Marche e in Liguria, e vediamo che in Friuli Venezia Giulia permane una situazione grave. Non è ancora una situazione drammatica ma si deve capire che la partita è ancora aperta non è finita per cui siamo all'ultimo appello per vaccinarsi, è oggi l'arma in più". Lo dice all'Adnkronos Salute Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi-Emac), facendo il punto della situazione dopo i nuovi dati del monitoraggio Covid dell'Iss che ha registrato un aumento del tasso di occupazione in terapia intensiva (8,5%) rispetto al 7,3% della settimana precedente.

"La recrudescenza dei positivi era attesa - ricorda Vergallo - ma al momento non assistiamo ad una escalation dei ricoveri e questo fa capire il valore delle vaccinazioni. Aspettiamo anche di capire come interverranno le nuove misure entrate in vigore il 6 dicembre".