Anemia di nuova insorgenza e legame con il cancro

  • Boennelykke A & al.
  • BMC Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I soggetti con anemia di nuova insorgenza presentano un alto rischio di sviluppare il cancro, in particolare quelli con anemia combinata da carenza di ferro/infiammatoria (combined inflammatory iron deficiency anemia, CIIDA) e anemia dell’infiammazione (anemia of inflammation, AI).

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono la necessità di una maggiore consapevolezza da parte degli operatori sanitari.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, di popolazione, osservazionale di 48.925 soggetti di età compresa tra 40 e 90 anni senza un’anamnesi pregressa di cancro e con anemia di nuova insorgenza.
  • Finanziamento: Cancer Research UK; Università di Aarhus; altri.

Risultati principali

  • Il 7,9% degli uomini e il 5,2% delle donne hanno ricevuto una diagnosi di cancro entro 12 mesi.
  • Il rapporto standardizzato di incidenza per il cancro è risultato rispettivamente 5,1 negli uomini e 4,1 nelle donne.
  • Tra i tipi di anemia selezionati, la percentuale più elevata di incidenza di cancro è stata osservata nelle donne con AI (ferritina >100 μg/l e proteina C-reattiva [C-reactive protein, CRP] innalzata; 15,3%) e negli uomini con CIIDA (ferritina <100 μg/l e CRP innalzata; 19,3%).
  • I tumori gastrointestinali sono risultati il tipo di tumore più frequente nei soggetti con anemia da carenza di ferro (ferritina <30 μg/l indipendentemente dal livello di CRP), CIIDA, AI (donne) e anemia non classificata; la percentuale più alta è stata osservata negli uomini con CIIDA (10,8%).
  • l tumori dell’apparato respiratorio sono risultati il tipo di tumore più frequente negli uomini con AI (5,0%) e i tumori ematologici il tipo di tumore più frequente nei soggetti con “altra” anemia (uomini: 1,8%; donne: 1,9%).

Limiti

  • Disegno osservazionale.