Andreoni, '40% ricoveri evitabile con prescrizioni antivirali, ancora basse'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 11 lug. (Adnkronos Salute) - Sono ancora bassi i numeri delle prescrizioni e delle somministrazioni di antivirali in Italia. E a pagarne le conseguenze sono gli ospedali dove arrivano positivi Covid che potevano essere trattati prima e a casa. "Almeno il 40% dei ricoveri che vediamo può essere evitato con la pillola antivirale a domicilio", sottolinea all'Adnkronos Salute Massimo Andreoni, primario di infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit).

Gli antivirali "si sono rivelati efficacissimi" ma, secondo l'infettivologo, la loro mancata crescita è "in parte conseguenza della ridotta preparazione dei medici di medicina generale poco o mal informati su quelle che sono le interazioni farmacologiche sulla complessità del trattamento con gli antivirali in pillola".