Anche le anomalie lievi della tiroide si associano al parto pretermine


  • Cristina Ferrario - Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Nelle donne in gravidanza  senza patologie tiroidee conclamate, l’ipotiroidismo sub-clinico, l’ipotiroxinemia isolata e la positività ad anticorpi contro la perossidasi tiroidea (TPO) si associano a un rischio più elevato di parto pretermine.
  • In questo contesto, le decisioni cliniche dovrebbero tener conto dei rischi e dei benefici di programmi di screening e del trattamento con levotiroxina nel corso della gravidanza.

Descrizione dello studio

  • La metanalisi ha incluso studi pubblicati in diversi database fino al 18 marzo 2018.
  • Due revisori indipendenti hanno valutato l’idoneità all’inclusione nell’analisi dei data set relativi a studi prospettici di coorte (pubblicati e non) con dati su test per la funzionalità tiroidea (concentrazioni di tireotropina [spesso indicata come ormone stimolante la tiroide o TSH] e tiroxina libera [FT4]) o informazioni su anticorpi anti-TPO ed età gestazionale alla nascita.
  • I dati individuali dei partecipanti agli studi sono stati analizzati utilizzando modelli a effetti misti.
  • L’esito primario era la nascita pretermine (età gestazionale
  • Fonte di finanziamento: Netherlands Organization for Scientific Research.

Risultati principali

  • Nell’analisi finale sono state incluse 19 coorti, per un totale di 47.045 donne in gravidanza (età media 29 anni; età gestazionale media al prelievo di sangue 12,9 settimane).
  • Il 3,1% delle partecipanti aveva ipotiroidismo subclinico, il 2,2% ipotiroxinemia isolata e il 7,5% mostrava positività per gli anticorpi anti-TPO.
  • Il 5,0% delle gravidanze si è concluso con un parto pretermine.
  • Il rischio di parto pretermine è risultato più elevato nelle donne con ipotiroidismo subclinico che in quelle eutiroidee (6,1% vs 5,0%, rispettivamente; differenza assoluta di rischio 1,4%; odds ratio [OR] 1,29).
  • Una tendenza analoga è stata osservata per il rischio di parto pretermine nelle donne con ipotiroxinemia isolata rispetto a quelle eutiroidee (7,1% vs 5,0%; differenza assoluta di rischio 2,3%; OR 1,46).
  • A ciascun incremento di 1 deviazione standard (DS) nella concentrazione di tireotropina materna è stato associato un aumento del rischio di parto pretermine (differenza assoluta di rischio 0,2% per 1 DS; OR 1,04 per 1 DS).
  • Il rischio di parto pretermine è risultato più alto nelle donne anti-TPO positive che in quelle negative (6,6% vs 4,9%, rispettivamente; differenza assoluta di rischio 1,6%; OR 1,33).

Limiti dello studio

  • Lo studio non ha la potenza statistica sufficiente per studiare il rischio di nascita molto prima del termine in specifiche sub-popolazioni di pazienti.
  • Non è possibile escludere la presenza di fattori confondenti residui o non misurati negli studi inclusi nell’analisi.

Perché è importante

  • La nascita pretermine è la principale causa diretta di mortalità e morbilità nei bambini di età inferiore a 5 anni.
  • Ipotiroidismo e ipertiroidismo conclamati nel corso della gravidanza rappresentano fattori di rischio noti per il parto pretermine.
  • I dati sono meno chiari nel caso di anomalie tiroidee più lievi, che sono più comuni di quelle conclamate nel corso della gravidanza.