Analisi dei benefici della profilassi antibiotica post-operatoria


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In termini di riduzione del rischio di infezioni al sito chirurgico, i dati oggi disponibili non forniscono prove conclusive di un beneficio per i pazienti che proseguono la profilassi antibiotica nel post-operatorio.
  • Il mantenimento della profilassi nel post-operatorio potrebbe essere efficace solo nei casi di mancato rispetto delle best practice di profilassi chirurgica standard.
  • Quando vengono seguite le best practice di profilassi pre- e intra-operatoria, non si osservano benefici sul rischio di infezione al sito chirurgico legati al proseguimento della terapia dopo l’intervento.
  • I risultati supportano la raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di interrompere la profilassi dopo l’intervento.

Descrizione dello studio

  • Nella revisione della letteratura e successiva metanalisi sono stati presi in considerazione studi randomizzati e controllati sulla profilassi antibiotica post-operatoria.
  • Sono stati inclusi 52 studi che confrontavano l’effetto del proseguimento vs l’interruzione della profilassi post-operatoria sull’incidenza di infezioni al sito chirurgico.
  • L’esito primario era l’effetto del proseguimento della profilassi post-operatoria vs la sua immediata interruzione sulle infezioni al sito chirurgico.
  • Una sub-analisi ha valutato le differenze tra gli studi che avevano o non avevano seguito le best practice di profilassi antibiotica chirurgica standard.

Risultati principali

  • Nella metanalisi primaria sono stati inclusi in totale 19.273 partecipanti.
  • Il rischio relativo (RR) aggregato di infezione al sito chirurgico con proseguimento della profilassi post-operatoria vs la sua immediata interruzione è stato di 0,89, con bassa eterogeneità nella dimensione dell’effetto tra gli studi (τ2=0,001; χ2 p=0,46; I2=0,7%).
  • Nell’analisi di sottogruppo è emersa un’associazione significativa tra la stima dell’effetto e l’aderenza alle best practice di profilassi chirurgica standard.
  • In caso di mancata aderenza a tali pratiche, il RR di infezione al sito chirurgico si è ridotto con il proseguimento della terapia profilattica post-chirurgica vs la sua interruzione immediata (0,79).
  • Tale riduzione del rischio non è emersa nei casi in cui si erano seguite le best practice (1,04; P=0,048).

Limiti dello studio

  • In meno della metà (46%) degli studi inclusi sono state standardizzate le attuali best practice di profilassi antibiotica chirurgica standard.
  • Non erano disponibili dati sui singoli pazienti, ma solo dati aggregati.

Perché è importante

  • La profilassi antibiotica viene spesso proseguita anche per alcuni giorni dopo l’intervento per ridurre il rischio di infezioni al sito chirurgico, ma l’OMS nel 2016 ha raccomandato di interromperla, per evitare di esporre inutilmente il paziente a rischi legati all’uso di antibiotici.