Analisi Cochrane: la CRT a campo esteso può migliorare la sopravvivenza nei casi di tumore della cervice uterina

  • Thamronganantasakul K & al.
  • Cochrane Database Syst Rev
  • 26/10/2018

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una metanalisi suggerisce che la chemioradioterapia (CRT) a campo esteso probabilmente prolunga la sopravvivenza complessiva (Overall Survival, OS) nelle donne con tumore della cervice localmente avanzato rispetto alla CRT pelvica.
  • La CRT pelvica migliora probabilmente la sopravvivenza rispetto alla radioterapia (RT) a campo esteso, che a sua volta è migliore della RT pelvica.

Perché è importante

  • La RT a campo esteso tratta sia la pelvi sia i linfonodi para-aortici e può prolungare la sopravvivenza.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 5 studi che includevano pazienti con tumore della cervice localmente avanzato trattate con RT/CRT a campo esteso o pelvica.
  • Finanziamento: Thailand Research Fund; altri.

Risultati principali

  • RT a campo esteso rispetto a pelvica (3 studi):
    • la RT a campo esteso probabilmente riduce il rischio di decesso (HR: 0,67; IC 95%: 0,48–0,94) e il rischio di recidiva nei linfonodi para-aortici (rapporto di rischio [RR]: 0,36; IC 95%: 0,18–0,70).
  • RT a campo esteso rispetto a CRT pelvica (1 studio):
    • la CRT pelvica probabilmente migliora la OS (HR: 0,50; IC 95%: 0,39–0,64) e la sopravvivenza libera da progressione (progression free survival, PFS); HR: 0,52; IC 95%: 0,37–0,72);
    • la RT a campo esteso può ridurre il rischio di recidiva nei linfonodi para-aortici (HR: 0,44; IC 95%: 0,20–0,99) e di eventi avversi gravi acuti (RR: 0,05; IC 95%: 0,02–0,11).
  • CRT a campo esteso rispetto a CRT pelvica (1 studio):
    • la CRT a campo esteso può migliorare la OS (HR: 0,37; IC 95%: 0,14–0,96) e la PFS (HR: 0,25; IC 95%: 0,07–0,87);
    • non sono state osservate differenze chiare nel rischio di recidiva nei linfonodi para-aortici.

Limiti

  • Evidenze di qualità bassa-moderata.