Anaao, 'sfide epocali, Schillaci ascolti rappresentanze sociali'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 24 ott. (Adnkronos Salute) - L’Anaao Assomed, principale sindacato dei medici ospedalieri, "rivolge al neo ministro della Salute gli auguri di buon lavoro auspicando attenzione e ascolto nei confronti delle rappresentanze sociali. Tanto più in una stagione che si preannuncia non facile”. Questo il commento di Pierino Di Silverio, segretario nazionale Anaao Assomed, sulla nomina di Orazio Schillaci a ministro della Salute, che la sigla spera "di incontrare in tempi brevi per avviare un confronto proficuo".

“In una accelerata campagna elettorale – osserva Di Silverio - il dibattito sulla sanità è stato ridotto all’osso, tra facili promesse e slogan. Eppure, come certo il ministro concorderà, la salute non può non occupare uno dei primi posti nell’agenda di un nuovo Governo, viste le sfide epocali che stiamo vivendo (pandemia, aumento dell’anzianità della popolazione, incremento delle malattie croniche e della non autosufficienza, bassa natalità, crescita delle diseguaglianze). Sfide che affrontiamo in un contesto recessivo e in un momento in cui la stessa tenuta del servizio sanitario nazionale è a rischio. Anche a causa del peggioramento senza precedenti delle condizioni di lavoro dei medici e dei dirigenti sanitari”.

"Il Ssn è un malato in pessima salute, e la prognosi rimane riservata. Tocca al nuovo Governo e al nuovo ministro - prosegue Di Silverio - intervenire con urgenza. Occorrono investimenti sul Fondo Sanitario nazionale, visto che l’Italia è in coda tra i Paesi del G7 per spesa sanitaria pubblica. E sul personale, per restituire ruolo e valore, anche economico, al lavoro dei medici e dei dirigenti sanitari, le cui conoscenze e competenze fanno la differenza tra la salute e la malattia. E occorre intervenire anche per risolvere la carenza di medici specialisti. La fuga è sestuplicata negli ultimi 5 anni. Senza il capitale umano, gli ospedali diventano cattedrali nel deserto, i presìdi territoriali arredi del paesaggio urbano, i Livelli essenziali di assistenza una chimera".