Anaao, 'medici positivi in servizio proposta sciagurata'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 18 gen. (Adnkronos Salute)() - "Una proposta sciagurata". Così l’Anaao Assomed 'bolla' la proposta delle Regioni di mantenere in servizio personale medico positivo al Covid-19, benché asintomatico e vaccinato con tre dosi. E ricorda "che esistono le leggi e il codice deontologico, al di là dei principi di buon senso, che ci impongono l’obbligo di garantire la sicurezza delle cure.

"La sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute ed è perseguita nell'interesse dell'individuo e della collettività”: questi i principi ribaditi dall’articolo 1 della legge Gelli-Bianco e, in sostanza, dall’articolo 14 del codice deontologico - rimarca il sindacato dei medici ospedalieri - non lasciando adito a dubbi circa le responsabilità in capo anche ai camici bianchi di garantire appropriatezza e sicurezza delle cure a tutela non solo della propria salute ma anche di quella dei pazienti.

Una simile proposta - avverte l'Anaao - provocherebbe al contrario danni alla salute, trasformando i reparti ospedalieri in cluster di contagio e questo non possiamo proprio consentirlo. Dopo due anni di pandemia, ci aspetteremmo soluzioni diverse alla carenza di personale medico, è il monito del sindacato.