Alzheimer cresce in Lombardia, Trivulzio Milano potenzia offerta

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 4 ott. (Adnkronos Salute) - Crescono i numeri dell'Alzheimer in Lombardia. Il solo dato relativo alle esenzioni riferiva nel 2017 almeno 24mila pazienti diagnosticati, di cui almeno 7mila sul territorio di Ats Milano. Ma considerando le diagnosi perse soprattutto nella forma iniziale di malattia, le stime indicano per la regione un numero di casi Alzheimer che varia tra 25mila e 40mila con un trend in salita. E' la fotografia scattata dal Pio Albergo Trivulzio di Milano, che potenzia i servizi dedicati alla patologia neurodegenerativa.

Al Pat, "il più grande polo geriatrico italiano - informano dalla struttura - da oggi è attivo un Day hospital dedicato specificatamente ai malati di Alzheimer e in generale ai pazienti affetti da decadimento cognitivo", e "raddoppiano i posti letto nel reparto di riabilitazione per pazienti affetti dalle stesse patologie. Il Trivulzio garantisce in questo modo un'offerta completa e pressoché unica, aperta al territorio: dall'ambulatorio dedicato alla diagnosi al servizio di presa in carico, dal Day hospital specialistico al servizio di cura domiciliare, dal reparto di riabilitazione fino alla residenza socio-assistenziale. Tutti i servizi sono attivi a supporto dei pazienti e delle loro famiglie".

Il Trivulzio mette dunque a disposizione di malati Alzheimer e familiari "sei servizi", dettaglia una nota. "Per la fase iniziale, finalizzata alla diagnosi e all'eventuale avvio del trattamento - riepilogano dal Pat - è attivo l'ambulatorio di Geriatria. Durante la fase di monitoraggio del malato e di presa in carico del paziente e del caregiver vi è un servizio dedicato, la cui équipe provvede alla redazione del percorso di cura e alla prenotazione di tutte le visite specialistiche ed esami necessari. Il Day hospital Alzheimer prende in carico pazienti per sedute di terapia per la stimolazione cognitiva, il sostegno delle attività di vita quotidiana e supporta inoltre i caregiver. L'assistenza domiciliare territoriale è dedicata ai soggetti dimessi dall'istituto o a chi necessita di assistenza infermieristica o fisioterapica a domicilio".

Ancora, "a seguito di eventi acuti o per la stabilizzazione di disturbi comportamentali è offerto il ricovero riabilitativo presso il reparto di cure intermedie (72 posti letto). Tipicamente i pazienti vengono ricoverati per una rivalutazione del percorso terapeutico o per la riabilitazione a fronte di altre patologie intervenute". Infine, "per chi ha bisogno di un'assistenza quotidiana a lungo termine di difficile gestione presso il domicilio, sono previsti 75 posti letto presso il nucleo Alzheimer in Rsa, attrezzati in modo adeguato alla gestione dei disturbi".