Alto rischio di poliposi gastrointestinale nei sopravvissuti al cancro più giovani

  • Biller LH & al.
  • Cancer Prev Res (Phila)
  • 12/02/2020

  • Pavankumar Kamat
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I sopravvissuti ai tumori pediatrici e della prima età adulta (childhood and young adult cancer, CYAC) che hanno ricevuto trattamento in età più giovane presentano un rischio maggiore di sviluppare polipi gastrointestinali multipli (incidenza durante la vita 10), indipendentemente dalla propria suscettibilità ereditaria alla poliposi.

Perché è importante

  • La poliposi era tradizionalmente ritenuta ereditaria, con sindromi ereditarie come la poliposi adenomatosa familiare.
  • La poliposi associata alla terapia (therapy-associated polyposis, TAP) è una condizione scoperta di recente, con solo 8 casi riportati nella letteratura medica prima di questo studio.  

Disegno dello studio

  • I ricercatori hanno identificato 34 casi di TAP nei registri di 8 programmi di genetica oncologica. 
  • I criteri di inclusione comprendevano una diagnosi di CYAC a un’età 30 anni o una diagnosi tra i 31 e i 45 anni se il primo polipo era stato identificato 10 anni dopo il trattamento iniziale.
  • Finanziamento: National Institutes of Health e altri.

Risultati principali

  • Il 59% dei pazienti aveva ricevuto come trattamento iniziale un agente alchilante, il 62% era stato sottoposto a radioterapia addomino-pelvica e il 35% aveva ricevuto entrambi.
  • L’età mediana al momento dell’individuazione della poliposi gastrointestinale era di 49 anni e il tempo mediano dopo il trattamento oncologico iniziale era di 27 anni.
  • Nel 24% dei pazienti trattati con radioterapia addomino-pelvica i polipi sono stati individuati a un’età inferiore a quella raccomandata per l’avvio dello screening mediante colonscopia.
  • I pazienti con TAP presentavano un aggregato mediano durante la vita di 32 polipi colorettali; il 35% dei pazienti aveva 50 polipi colorettali.
  • Il 94% dei pazienti possedeva polipi colorettali di >1 tipo istologico, contrariamente alle sindromi poliposiche ereditarie, nelle quali solitamente tutti i polipi sono dello stesso tipo. 

Limiti

  • Possono essere stati inavvertitamente inclusi casi di poliposi ereditaria o di sindrome di predisposizione al cancro, in quanto non sono stati condotti test genetici completi.

Il commento degli esperti
Il Dott. Matthew Yurgelun, MD, del Dana-Farber Cancer Institute, Boston, MA ha dichiarato: “La TAP sembra essere una condizione acquisita che assomiglia a varie sindromi tumorali colorettali ereditarie, ma è biologicamente distinta rispetto ad esse”.