Alterazioni periorbitali associate ad analoghi delle prostaglandine

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIF Societa' Italiana di Farmacologia

Alterazioni periorbitali associate ad analoghi delle prostaglandine

Autorità regolatoria neozelandese (Bollettino – Settembre 2022)

A cura di Alessandra Russo. Specialista in Tossicologia Medica. Messina

Nel Bollettino dell’autorità regolatoria neozelandese, pubblicato nel Settembre 2022 (1), è stato riportato un avviso relativo al possibile rischio di alterazioni periorbitali associate ad analoghi delle prostaglandine.

Prima di iniziare la terapia, è opportuno informare i pazienti della possibilità che insorgano modifiche intorno all’occhio durante il trattamento.

Gli analoghi delle prostaglandine (bimatoprost, travoprost e latanoprost) sono spesso utilizzati a livello oculare per il trattamento del glaucoma, in quanto riducono l’ipertensione oculare.

- Riproduzione riservata e per uso personale
- Scarica il documento completo in formato PDF dal link a fondo pagina