Alcune caratteristiche individuali della paziente si associano al dolore dopo intervento al seno


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • La valutazione del fenotipo delle pazienti, eseguita prima di un intervento chirurgico al seno, ha permesso di identificare caratteristiche psicosociali e psicofisiche che aumentano il rischio di dolore acuto post-operatorio.
  • La giovane età, la presenza di dolore pre-operatorio e il tipo di procedura chirurgica, insieme a una maggiore sommazione temporale del dolore (TSP), sono fattori predittivi indipendenti di dolore acuto e uso di oppioidi a 2 settimane dall’intervento.
  • La gravità e l’impatto del dolore e l'uso di oppioidi sono anche associati a specifiche variabili psicosociali, in particolare depressione e una disposizione negativa.

Descrizione dello studio

  • Lo studio prospettico e osservazionale ha arruolato donne (18-85 anni) sottoposte a chirurgia conservativa del seno, mastectomia o mastectomia con ricostruzione, reclutate al Weiner Center for Preoperative Evaluation, Stati Uniti (2014-2017).
  • Le partecipanti hanno completato questionari (demografici, medici, psicosociali e sul dolore basale) prima dell’intervento chirurgico e hanno ricevuto una misurazione delle caratteristiche psicosociali.
  • La gravità e l’impatto del dolore e l’uso di oppioidi a 2 settimane dall’intervento sono stati valutati tramite il BPI (Breve Inventario del Dolore) e questionari sul dolore al seno specifici per la procedura eseguita.
  • Analisi di regressione lineare multivariata eseguita per valutare fattori che prevedevano in modo indipendente la gravità e l'impatto del dolore.
  • Fonti di finanziamento: National Institutes of Health degli Stati Uniti

Risultati principali

  • Un totale di 234 partecipanti ha completato lo studio (età media 55,5±12,3).
  • Dopo 2 settimane dall’intervento, il 29% delle pazienti riportava un dolore da moderato a grave >3/10 (su una scala di valutazione 0-10).
  • La gravità del dolore era prevista da svuotamento ascellare, dolore pre-chirurgico, alta TSP, comportamento di coping. Un approccio positivo era inversamente associato al dolore da moderato a grave.
  • L’impatto del dolore era previsto in modo indipendente da giovane età, livello di istruzione, svuotamento ascellare, ricostruzione del seno, disposizione negativa e depressione.
  • L’uso di oppioidi era previsto da giovane età, livello di istruzione, svuotamento ascellare, ricostruzione del seno, TPS, coping di reinterpretazione.

Limiti dello studio

  • Probabile distorsione del campione, dato che l’ansia era motivo di mancata partecipazione allo studio.
  • Generalizzabilità limitata: 86,5% delle partecipanti era caucasica.
  • Non si avevano informazioni sul dolore nei singoli giorni.
  • Sono state incluse pazienti con precedente operazione chirurgica al seno.

Perché è importante

  • Nonostante lo standard dello stimolo doloroso, la gravità e l’impatto del dolore acuto post-operatorio può variare tra i pazienti a causa di differenze biologiche, ma anche psicologiche e sociali.
  • La fenotipizzazione dei pazienti potrebbe consentire una personalizzazione delle cure del dolore post-operatorio e la creazione di un piano preventivo pre-operatorio più efficace.