Albo odontoiatri, '70% italiani scoperto da cure dentali, sì a voucher'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 7 nov. (Adnkronos Salute) - Il sorriso degli italiani è sempre meno brillante. Prima la pandemia, poi la guerra in Ucraina, "il rialzo dell'inflazione e il caro bollette per la crisi energetica, hanno fatto tagliare la prevenzione della cura orale: il 70% della popolazione è scoperta da cure odontoiatriche che per il 95% sono private. Siamo favorevoli ad iniziative, anche regionali, che promuovono un voucher o bonus per le cure dentali ma per farlo seriamente e bene servono le risorse". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute Raffaele Iandolo, presidente della Commissione Albo Odontoiatri (Cao) nazionale della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo), commentando l'emendamento al collegato di bilancio della Regione Lazio, presentato da Fratelli d'Italia, che prevede l’erogazione da parte della Regione di un voucher per le famiglie residenti nel Lazio da almeno tre anni e con un reddito Isee non superiore a 10mila euro.

"Oggi è importantissimo dare una risposta di assistenza socio-sanitaria alle fasce più deboli delle popolazione - avverte Iandolo - ma c'è lo scoglio delle risorse. In Italia l'attività odontoiatrica vale circa 7-8 mld di fatturato l'anno, a fronte del fatto che l'assistenza sanitaria è per il 90% in quota al Servizio sanitario nazionale e i dentisti italiani sono del tutto fuori".

Ma un 'bonus dentista' che valore dovrebbe avere? "Se parliamo di igiene orale potrebbe essere di 100-150 euro l'anno, per l'ortodonzia dovrebbe salire - risponde Iandolo - Una decina d'anni fa per una nostra proposta avevamo ipotizzato una cifra simile al bonus bebè, quindi 500-1.000 euro". Secondo il presidente della Commissione Albo odontoiatri, si potrebbero inserire nei Lea "l'igiene orale con l'ablazione del tartaro e l'ortodonzia conservativa e, direi anche, se non le protesi fisse almeno quelle mobili. Queste sarebbero le prestazioni minime".