Al San Giovanni Roma chirurgia robotica e telemedicina alleate

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 13 gen. (AdnKronos Salute) - L'innovazione tecnologica e digitale della chirurgia robotica e la telemedicina alleate per il paziente. E' la sfida dell'azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma, dove da circa 3 mesi è in atto una collaborazione virtuosa tra la Uosd Chirurgia generale con tecnica robotica breve e il Servizio di telemedicina. Con tale collaborazione - spiega una nota - si intende assicurare al paziente operato presso la nostra struttura una presa in carico che consenta una degenza più breve e un accurato follow-up dedicato. Ad oggi dalla Chirurgia robotica associata alla telemedicina sono stati trattati 10 pazienti; di questi soltanto per uno, a causa dell'alterazione dei parametri inviati, si è reso necessario il rientro in ospedale.

Il San Giovanni - si ricorda - è stato il primo ospedale nel Lazio a installare il robot 'Da Vinci': dal 2007 sono stati oltre 3.000 gli interventi eseguiti. Il paziente viene operato con la tecnica robotica, caratterizzata da una strumentazione tecnologica estremamente sofistica, macchinario che consente di operare con strumenti sottili e miniaturizzati in grado di riprodurre i movimenti della mano del chirurgo. Dopo una breve degenza l'assistito esce dall'ospedale in dimissione protetta e viene monitorato a distanza dalla propria casa grazie al Servizio di Telemedicina. Al paziente dimesso viene consegnata una strumentazione costituita da dispositivi che si collegano in modalità wireless a uno smartphone attraverso cui vengono monitorati tutti i parametri che l'assistito invia da casa: elettrocardiogramma, pressione del sangue, glicemia, saturazione. A ciò si aggiunga la possibilità di un consulto in diretta con il chirurgo che ha eseguito l'intervento.

I vantaggi per il paziente seguito in telemedicina sono una minore degenza postoperatoria, vivere in un ambiente protetto come è il proprio domicilio, e soprattutto la sicurezza e la tranquillità di essere seguito da un centro sanitario pubblico specializzato.