Al policlinico Gemelli il premio internazionale Giovanni Paolo II

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 21 ott. (Adnkronos Salute) - Il prestigioso Premio internazionale “Giovanni Paolo II” è stato assegnato alla Fondazione Policlinico universitario Agostino Gemelli Irccs. La cerimonia di consegna è avvenuta oggi nella hall dell’ospedale. A ritirare il riconoscimento il presidente della Fondazione, l’avvocato Carlo Fratta Pasini, “per il grande impegno profuso da tutto il personale in risposta alla pandemia”.

"E’ un onore per noi ricevere un premio intitolato a San Giovanni Paolo II - afferma Carlo Fratta Pasini - per lo speciale legame del Policlinico Gemelli con il Papa santo. Il premio, che condivido con tutto il personale del Gemelli, è un riconoscimento alla dedizione e all’impegno quotidiano di quanti, medici, infermieri, operatori sanitari e tecnici - sottolinea - cooperano per garantire la migliore assistenza con determinazione e competenza, senza mai disgiungerla da un senso di empatia, umanità e carità cristiana che è propria della missione della nostra istituzione”.

Il Premio, giunto alla sua diciottesima edizione – si legge in una nota della Fondazione - è nato nel 2005 per volontà dell’Associazione socioculturale ad indirizzo artistico “Aglaia” di Scafati (Sa) e dell'Unci di Treviso e di Udine. Fonda le sue origini sull’operato e le volontà di San Giovanni Paolo II e ha come scopo principale quello di riconoscere i personaggi del mondo della Chiesa, delle istituzioni, della politica, della cultura, delle professioni, dell’arte, che si sono distinti per aver tutelato e promosso la sacralità della vita in armonia con i principi cristiani della Chiesa cattolica.