Al Campus Bio-Medico 1.300 esami Ssn in più per cittadini Roma e Lazio

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 22 giu. (Adnkronos Salute) - Quasi 1.300 esami di Pet-Tc in convenzione con il Servizio sanitario regionale sono da oggi disponibili al Policlinico Universitario Campus Bio-medico di Roma grazie a una Pet-Tc di ultima generazione. L'apertura della Medicina nucleare al Servizio sanitario regionale permetterà un aumento delle prestazioni pari a circa 50 esami in più alla settimana, da qui alla fine dell'anno, si legge in una nota.

"Abbiamo assicurato alla Regione Lazio la disponibilità di 1.281 Pet entro la fine dell'anno - spiega Lorenzo Sommella, direttore sanitario della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico - per aumentare l'offerta in un ambito in cui c'è molta domanda appropriata, da parte dei medici e dei cittadini, che richiedono in gran numero queste prestazioni. Con questa nuova attività il nostro policlinico è sempre più a disposizione del territorio e contribuisce all'incremento dell'offerta di salute per Roma e per il Lazio".

"Nuove tecnologie per un servizio sempre più di prossimità e di qualità. Grazie a questa nuova Pet aumenterà la capacità di approfondimento diagnostico del reparto, sia in termini di qualità che di quantità degli esami e desidero ringraziare il Campus Bio-Medico - dichiara l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato - In un anno abbiamo recuperato oltre 4mila prestazioni Pet. L'obiettivo di azzerare la mobilità è alla portata di mano con le nuove tecnologie e i nuovi investimenti".

La Pet, tomografia a emissione di positroni, consente di individuare precocemente dimensione e posizione esatta di un tumore ed è utilizzata soprattutto per patologie di ambito neurologico, ortopedico, endocrinologico, nefrologico, cardiologico, senologico. Consiste in una tecnica diagnostica che prevede la somministrazione per via endovenosa di un radiofarmaco, contenente sostanze debolmente radioattive prive di effetti farmacologici, eseguendo esami non invasivi, indolore e sicuri.

"Gli elevati volumi di attività diagnostica e la presenza di macchinari di ultima generazione - conclude la nota - rendono l'Unità di Medicina nucleare del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico un punto di riferimento sul territorio di Roma e Lazio per la diagnosi di patologie ortopediche, cardiologiche, ossee, nefrologiche, polmonari, endocrinologiche e non solo".