Aiuto ai profughi, gemellaggio Spallanzani-ospedale di Sighet in Romania

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 25 mar. (Adnkronos Salute) - Un gemellaggio sanitario per dare una risposta immediata all'assistenza sanitaria dei tantissimi ucraini che scappano dalla guerra e si riversano in Romania. L'Inmi Spallanzani di Roma ha stretto un accordo con l'ospedale di Sighet in Romania, al confine con l'Ucraina. Una delle 'porte' di accesso per l'Europa. L'ospedale della città rumena, dove è nato il premio Nobel per la Pace Elie Wiesel, ha chiesto aiuto allo Spallanzani per creare una collaborazione umanitaria e sanitaria con l'obiettivo di aiutare i profughi, supportare la formazione degli operatori rumeni e anche l'invio di forniture e farmaci.

L'ospedale è stato la meta di una visita dell'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, e del direttore dello Spallanzani, Francesco Vaia. Durante il viaggio sono state poste le basi di un partenariato tra la struttura ospedaliera in Romania e lo Spallanzani per creare una sinergia e uno scambio formativo, anche nel contrasto alla diffusione delle malattie infettive che durante i conflitti hanno sempre una maggiore diffusività. Un gemellaggio che potrebbe anche portare a trasferimenti di pazienti dalla Romania a Roma.

Il protocollo di cooperazione firmato dall'ospedale di Sighet e dallo Spallanzani prevede "una partnership a lungo termine che consentirà il miglioramento del proprio personale specializzato, attraverso corsi di formazione sia a Roma che a Sighetu Marmatiei, ma non meno importante, l'accento sarà posto sulla selezione e l'attrazione dei laureati della Scuola di specializzazione per infermieri di Sighetu Marmatiei all'Istituto medico di Roma". E' quanto riporta il documento firmato dallo Spallanzani e dall'ospedale in Romania.

La collaborazione prevede anche "il trasferimento d'urgenza di qualsiasi paziente, ucraino o rumeno, in caso di emergenza grave o di necessità di cure specialistiche dall'aeroporto di Cluj Napoca a Roma per il ricovero allo Spallanzani".