Aiop Lombardia, 'da Dl Aiuti a ospedali privati 25 mln su 110 previsti'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 27 set. (Adnkronos Salute) - "Gli ospedali privati accreditati sono stati fortemente penalizzati dal testo del Dl 'Aiuti ter' uscito dal Consiglio dei ministri dello scorso venerdì. Se nel testo in entrata era previsto un contributo una tantum per le strutture private accreditate in proporzione al costo sostenuto nel 2022 per energia elettrica e gas, che per i privati in Lombardia avrebbe dovuto essere in proporzione all'attività di ricovero e ambulatoriale di 110 milioni di euro, nel testo bollinato, dopo la verifica di ministero della Salute e ministero dell'Economia e delle Finanze, tale sostegno veniva modificato e limitato allo 0,8% del tetto assegnato ai privati per l'anno 2022, che corrisponde a circa 25 milioni. Tale importo copre solo il 12,5% dell'incremento dei costi previsto per gli ospedali privati, aumento stimato in circa 200 milioni di euro". Lo denuncia Dario Beretta, presidente di Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) per la Lombardia.

"Questo dato - incalza - oltre a limitare la libertà di ogni Regione di allocare risorse per finanziare l'incremento del costo di energia elettrica e gas, inciderà pesantemente sui bilanci degli erogatori privati già fortemente penalizzati negli anni 2020-2021 dalla pandemia Covid, rendendo di fatto impossibile fare nuovi investimenti e mantenere l'alta qualità delle prestazioni erogate in Lombardia".

Aiop Lombardia sottolinea in una nota che, "a fronte degli aumenti, le tariffe e i budget non vengono aggiornati dal 2011 e questo rappresenta un elemento di criticità". "Questa ulteriore decisione limita fortemente l'autonomia delle Regioni", insiste Beretta. "Oltre a ciò - conclude - ricordiamo anche l'impossibilità per le nostre strutture di abbattere i consumi per le caratteristiche della nostra attività".