Aiop, 'd'accordo con Schillaci su liste attesa, privato pronto a collaborare'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 5 apr. (Adnkronos Salute) - "Condividiamo le parole del ministro della Salute, Orazio Schillaci, rispetto all’esigenza di ridurre le liste d’attesa, definite 'un problema cogente e annoso', e alla necessità di una virtuosa collaborazione con la componente di diritto privato del Ssn. Ritardi e blocchi di prestazioni, mobilità passiva non fisiologica e rinuncia alle cure sono le vere patologie del sistema che minano l’universalità, solidarietà ed equità del Servizio sanitario nazionale". Lo afferma Barbara Cittadini, presidente nazionale di Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata, in merito alle dichiarazioni del ministro della Salute, intervenuto all'Healthcare Talk di Rcs Academy e Corriere della Sera.

"Concordiamo con l’affermazione del ministro che 'ci vogliono registri unici di prenotazione' tra le strutture di diritto pubblico e quelle di diritto privato per garantire un accesso tempestivo alle prestazioni sanitarie sulla base dei bisogni degli assistiti. Così come siamo d’accordo - conclude Cittadini - che la domanda di cura debba essere orientata a criteri di appropriatezza clinica e organizzativa, affinché vengano offerti servizi adeguati ai livelli di urgenza e complessità richiesti. Le strutture di diritto privato del Ssn sono, come sempre, disponibili e pronte a garantire il proprio contributo", ribadisce Cittadini.