Adenocarcinoma del polmone: l’aggiunta della chemioterapia a icotinib migliora la PFS

  • Lung Cancer

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il trattamento di prima linea con icotinib più chemioterapia offre migliore sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS), tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) e tasso di controllo della malattia (disease control rate, DCR) rispetto a icotinib in monoterapia per adenocarcinoma del polmone in stadio avanzato in pazienti con mutazioni del recettore del fattore di crescita dell’epidermide (epidermal growth factor receptor, EGFR) sensibili agli inibitori tirosin-chinasici (tyrosine kinase inhibitor, TKI).

Perché è importante

  • Si tratta del primo studio a esaminare la combinazione icotinib più chemioterapia in questa popolazione di pazienti.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione prospettica, randomizzata, multicentrica, controllata, in aperto.
  • Centosettantanove pazienti con adenocarcinoma del polmone in stadio avanzato e una mutazione dell’EGFR sensibile ai TKI hanno ricevuto icotinib più chemioterapia (n=90) o icotinib in monoterapia (n=89).
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • La PFS era significativamente maggiore con icotinib più chemioterapia rispetto a icotinib in monoterapia (16,0 vs. 10,0 mesi; HR: 0,59; P=0,003).
  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) non differiva significativamente tra gruppi (P=0,309).
  • Il trattamento icotinib più chemioterapia ha ottenuto un ORR (77,8% vs. 64,0%; P=0,043) e un DCR (91,1% vs. 79,8%; P=0,031) significativamente migliori.
  • Il gruppo in terapia di combinazione ha evidenziato un’incidenza maggiore di leucopenia di grado 3–4 (12,2% vs. 0%; P=0,001) e un livello innalzato di alanina aminotransferasi o aspartato aminotransferasi (12,2% vs. 3,5%; P=0,034) rispetto a quello trattato con icotinib in monoterapia.
  • Gli eventi avversi si sono risolti nella maggior parte dei pazienti.

Limiti

  • Campione di piccole dimensioni con popolazione di pazienti omogenea.