Adattamento delle linee guida ESMO sull’NSCLC per i pazienti di origine asiatica

  • Park K & al.
  • Ann Oncol
  • 01/02/2020

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un adattamento delle linea guida della European Society for Medical Oncology (ESMO) sulla diagnosi, il trattamento e il follow-up del tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) include raccomandazioni specifiche per il trattamento dei pazienti di origine asiatica.
  • L’adattamento è illustrato in dettaglio in una dichiarazione di consenso di esperti di oncologia che rappresentano Corea, Cina, India, Giappone, Malesia, Singapore e Taiwan.

Perché è importante

  • Le linee guida adattate includono modifiche che riflettono le differenze correlate a etnia, biologia del tumore e pratiche standard nei Paesi asiatici partecipanti.

Cambiamenti principali

  • Il comitato ha aggiunto una nuova raccomandazione riguardante la somministrazione della terapia di consolidamento con durvalumab 1–42 giorni dopo la fine della chemioradioterapia (10 mg/kg ogni 2 settimane per un massimo di 12 mesi).
  • Nei pazienti con risultati negativi della biopsia dopo l’ecografia endobronchiale e/o endoscopica è possibile utilizzare metodi alternativi alla mediastinoscopia se questa non fosse disponibile.
  • Si raccomanda una valutazione multidisciplinare, specialmente per la determinazione della resecabilità.
  • Si può valutare l’uso di carboplatino in monoterapia in combinazione con radioterapia nei pazienti di >70 anni con malattia in stadio III.
  • La gestione delle tossicità da radiazioni può rendere necessario un follow-up più frequente durante il primo anno.