ADA 2020 — La stimolazione del midollo spinale giova al dolore neuropatico diabetico


  • Pavankumar Kamat
  • Conference Reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La stimolazione del midollo spinale (spinal cord stimulation, SCS) può alleviare il dolore e migliorare la sensibilità nei pazienti con neuropatia diabetica dolorosa refrattaria al trattamento standard.

Perché è importante

  • Poiché la SCS è stata stabilita come un trattamento efficace per il dolore cronico alla schiena e alle gambe, gli autori anticipano un miglioramento della qualità della vita e dei benefici funzionali se adottata per il dolore neuropatico diabetico.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione SENZA-PDN: i pazienti sono stati assegnati casualmente a ricevere la sola gestione medica convenzionale (conventional medical management, CMM; n=103) o SCS a 10 kHz più CMM (n=113). 
  • Finanziamento: Nevro Corp.

Risultati principali 

  • La risposta (50% di sollievo dal dolore più nessun peggioramento del deficit neurologico) è stata osservata nel 79% dei pazienti nel gruppo con dispositivo rispetto al 5% nel gruppo di sola CMM (P
  • La valutazione sensoriale della percezione del monofilamento e della puntura d’ago ha mostrato un miglioramento del 72% nel gruppo con dispositivo rispetto al 7% di miglioramento nel gruppo di sola CMM a 3 mesi.
  • Riduzione dei punteggi medi della scala analogica visiva:
    • Gruppo con dispositivo: da 7,6 al basale a 2,4 a 1 mese e 1,7 a 3 mesi.
    • Gruppo di sola CMM: da 7,0 al basale a 6,7 a 1 mese e 6,5 a 3 mesi.
  • Miglioramenti della qualità della vita correlati al sonno e all’attività sono stati ugualmente osservati nel gruppo con dispositivo a 3 mesi.

Limiti

  • Campione di piccole dimensioni.

Il commento degli esperti

La Dott.ssa Natalie H. Strand, della Mayo Clinic di Scottsdale, AZ, ha dichiarato: “Tutto ciò che possiamo aggiungere come medici per aiutare a ridurre il carico del diabete avrà un grande impatto. Anche se questo è incentrato sul dolore, ciò che stiamo realmente cercando di trattare è l’intero paziente, migliorare la sua qualità della vita e rendere il diabete più gestibile”.