Acidosi metabolica: il veverimer è efficace e sicuro anche se usato per un anno


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • L’estensione di 40 settimane di uno studio duratone 12 mostra che il trattamento con veverimer è sicuro ed efficace nel correggere l’acidosi nei pazienti con malattia renale cronica e acidosi metabolica rispetto al placebo.
  • Il ripristino dei livelli corretti di bicarbonato sierico, iniziato dopo la prima settimana, viene mantenuto durante tutto l’anno di trattamento.
  • Rispetto al placebo, il farmaco migliora anche la funzione fisica, valutata sia come qualità della vita riportata dai pazienti, sia come misura oggettiva, ottenuta tramite il chair stand test.

Descrizione dello studio

  • Estensione di 40 settimane di uno studio randomizzato di 12 settimane condotto in 29 siti (Bulgaria, Georgia, Ungheria, Serbia, Slovenia, Ucraina e Stati Uniti).
  • Inclusione dei pazienti con malattia renale cronica (velocità di filtrazione glomerulare [eGFR] 20-40 mL/min per 1,73 m2) e acidosi metabolica (bicarbonato sierico 12-20 mmol/L) che hanno completato il primo studio: 12 settimane di trattamento con veverimer (6 g/giorno) o un placebo.
  • Endpoint primario: sicurezza.
  • Fonti di finanziamento: Tricida.

Risultati principali

  • Su 217 pazienti inclusi nello studio principale (124 gruppo veverimer, 93 gruppo placebo) 196 (114 e 82, rispettivamente) hanno partecipato all’estensione (2017-2018).
  • La percentuale di pazienti che ha interrotto lo studio nel gruppo veverimer (mai a causa di effetti avversi) è stata minore (3%) rispetto a quella nel gruppo placebo (10%).
  • Eventi avversi gravi si sono verificati nel 2% dei pazienti nel gruppo veverimer e nel 5% in quello placebo (nel quale 2 sono deceduti), mentre quelli renali sistemici nell’8% e nel 15%, rispettivamente.
  • Alla settimana 52, la percentuale di pazienti con un aumento di bicarbonate sierico (≥4 mmol/L o normalizzazione) è stata maggiore nel gruppo veverimer che in quello placebo (63% contro 38%, P=0,0015).
  • Il farmaco ha sempre indotto, a partire dalla settimana 1, una maggiore concentrazione di bicarbonato rispetto al placebo (P
  • Alla fine del trattamento, la funzione fisica è aumentata con il veverimer rispetto al placebo: cambiamento medio (mean placebo-subtracted change) sul Kidney Disease and Quality of Life–Physical Function Domain di 12,1 punti (standard error [SE] 3,3; P

Limiti dello studio

  • Durata trattamento solo di 1 anno.
  • Mancanza di un comparatore attivo e calcificazione non misurata.

Perché è importante

  • Sono poche le terapie approvate per il trattamento dell'acidosi metabolica, comune complicazione della malattia renale cronica che causa demineralizzazione ossea e catabolismo proteico e associata a progressione della patologia e mortalità.
  • Studi di 2 e 12 settimane hanno dimostrato che il veverimer, farmaco polimerico non assorbito che si lega selettivamente e rimuove l'acido cloridrico dal lume gastrointestinale, aumenta il bicarbonato nel sangue.
  • Anche se sono necessari ulteriori studi, i risultati suggeriscono che oltre a correggere l'acidosi e migliorare la funzione fisica, il veverimer potrebbe prevenire la dialisi, dato che la decisione di iniziarla si basa su una valutazione clinica globale.