«Accettazione e impegno» alla base della gestione dell’asma in età pediatrica


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • La "terapia dell’accettazione e dell’impegno" (ACT), una forma di terapia cognitivo-comportamentale che punta a migliorare la flessibilità psicologica, è efficace nel ridurre ansia e stress nei genitori di bambini affetti da asma.
  • Il beneficio è evidente anche nei bambini, con una riduzione del numero delle visite in pronto soccorso per problemi legati alla patologia asmatica.

Descrizione dello studio

  • Nello studio randomizzato e controllato sono state confrontate 4 sessioni di ACT di gruppo più un intervento educativo sull’asma (gruppo ACT) con un intervento educativo sull’asma più tre follow up telefonici (gruppo controllo) allo scopo di formare genitori di bambini asmatici.
  • In totale sono stati arruolati 168 genitori con i loro figli di età compresa tra 3 e 12 anni, reclutati in un ospedale pubblico di Hong Kong.
  • Sono stati valutati l’utilizzo dei servizi sanitari a causa di esacerbazioni dell’asma e il benessere psicologico dei genitori prima, immediatamente dopo e a sei mesi dall’intervento.
  • Fonte di finanziamento: The Hong Kong Polytechnic University.

Risultati principali

  • Rispetto al gruppo controllo, i figli di genitori inclusi nel gruppo ACT sono stati sottoposti a un numero significativamente inferiore di visite in pronto soccorso a causa di esacerbazioni dell’asma a 6 mesi post-intervento (incidence rate ratio [IRR] aggiustata =0,20; P=0,001).
  • I genitori del gruppo ACT hanno riferito una riduzione nell’inflessibilità psicologica (differenza media=25,45; P=0,014), meno ansia (differenza media=22,20; P=0,003) e meno stress (differenza media=22,50; P=0,016) nei relativi punteggi.

Limiti dello studio

  • Ai genitori del gruppo ACT è stato dedicato più tempo che a quelli del gruppo controllo.
  • Non sono state misurate le aspettative dei genitori.
  • Non è possibile escludere un bias nella risposta ai questionari.

Perché è importante

  • L’asma resta una delle patologie croniche più diffuse in età pediatrica e interessa, nel mondo, un bambino su dieci.
  • Le strategie per la gestione della malattia si basano in genere su educazione all’auto-gestione e solo raramente prendono in considerazione il benessere dei genitori, che spesso vanno incontro a difficoltà psicologiche nel prendersi cura dei loro figli asmatici.
  • L’approccio ACT è efficace in molte patologie croniche e potrebbe esserlo anche in questo contesto.