AACR 2019—Il mantenimento con rucaparib evidenza benefici nel tumore pancreatico


  • Keren Landman, MD
  • Univadis
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti affetti da tumore pancreatico con mutazioni di BRCA o PALB2, l'inibitore della poli (ADP-ribosio) polimerasi (PARP) rucaparib ha dimostrato una promettente attività antitumorale e ridotta tossicità.

Perché è importante

  • Il 5%-8% dei pazienti con tumore pancreatico presenta mutazioni di BRCA o PALB2 associate a suscettibilità del tumore a chemioterapie a base di platino cumulativamente tossiche e, forse, agli inibitori di PARP. 
  • Ora vengono raccomandati i test della linea germinale per tutti i tumori pancreatici.

Disegno dello studio

  • Analisi ad interim dei dati di 19 arruolati su 24 in una sperimentazione a braccio singolo, di fase 2, di mantenimento di rucaparib (42 pazienti pianificati).
  • Tutti hanno ricevuto ≥16 settimane di chemioterapia a base di platino senza progressione.
  • Finanziamento: Clovis Oncology, Basser Young Leadership Council/Center for BRCA.

Risultati principali

  • Con un follow-up mediano di 8,5 mesi, la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana era di 9,1 mesi.
  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana non è stata raggiunta al follow-up a 8,1 mesi.  
  • Il tasso di risposta complessiva era pari al 37,8% (6 risposte parziali [partial responses, PR], 1 risposta completa), corrispondenti al 41,1% dei soggetti con malattia misurabile al basale.
  • Il tasso di controllo della malattia (risposta + malattia stabile) era dell'89,5% per almeno 8 settimane.
  • Per alcuni pazienti, la soglia di PR non è stata raggiunta fino a 4-6 mesi, il che suggerisce un'effettiva risposta di rucaparib piuttosto che un effetto ritardato del platino.
  • Le tossicità più frequenti erano nausea, stanchezza, disgeusia, alanina aminotransferasi aumentata e diarrea.
    • Non è chiaro se a causa di rucaparib o della precedente chemioterapia.
  • Nessuna tossicità di grado ≥3. 

Limiti

  • Campione di piccole dimensioni, nessun gruppo di controllo.