A Lanciano apre ambulatorio osteoporosi

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Lanciano, 6 feb. (AdnKronos Salute) - All'ospedale di Lanciano nasce un ambulatorio dedicato all'osteoporosi. L'obiettivo è "prendere in carico i soggetti a rischio, valutandone il grado di fragilità e la possibilità di incorrere in una frattura anche per piccoli traumi", spiega l'Asl 2 abruzzese illustrando l'iniziativa dell'équipe di Ortopedia diretta da Enrico Marvi, con gli specialisti Daniela Recchioni, Gianfranco Mastrovecchio, Adolfo Mené e personale infermieristico dedicato. Si stima che in Abruzzo siano 200 mila le donne over 60 a rischio a causa di osteoporosi non trattata. Nel 2018 sono stati 1.541 i ricoveri per questa patologia, con una degenza media di 13 giorni, e 2.200 quelli determinati da fratture di femore.

Le visite, prenotabili attraverso il Centro unico di prenotazione oppure online (cup.asl2abruzzo.it), vengono effettuate presso il Poliambulatorio, mentre per gli esami ci si avvale della collaborazione della responsabile del Centro per la diagnosi dell'osteoporosi presso la Medicina nucleare dello stesso ospedale, Chiara Ludovico. "Grazie alle apparecchiature Dexa in dotazione, possono essere eseguiti esami su colonna vertebrale, lombare, collo del femore, polso e total body - sottolinea l'azienda sanitaria - L'inquadramento clinico dei casi da parte dell'ambulatorio specialistico sarà supportato anche dalla Medicina di laboratorio e dalla Radiologia. L'incidenza di fratture da fragilità aumenta, com'è noto, con l'età e colpisce in modo particolare le donne".