340 ospedali con criticità, Agenas vara audit per migliorarli

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 6 dic. (Adnkronos Salute) - Un percorso per migliorare le criticità degli ospedali italiani. "Abbiamo individuato le strutture che hanno gli indicatori del 'treemap', i 18 indicatori più consolidati su cui spesso vengono valutati i direttori generali, non adeguati: sono circa 340 strutture. Dopo aver verificato la qualità dei dati, perché dobbiamo capire se l'indicatore sta fotografando una realtà reale o un artefatto dei dati, si propone un percorso di audit clinico-organizzativo e questo sarà fatto a inizio 2023. L'anno prossimo punteremo molto sul sistema dell'audit. L'obiettivo non è affibbiare maglie nere o rosa, ci interessa mappare le criticità e poi in un'ottica di collaborazione farci carico tutti del miglioramento". Lo ha spiegato all'Adnkronos Salute Giovanni Baglio, coordinatore Programma nazionale esiti (Pne) dell'Agenas, commentando il report sui dati 2021 presentato oggi al ministero della Salute.

Come avverranno gli audit? "I nostri referenti regionali del Pne sul territorio, 21 per ogni regione e provincia autonoma, contatteranno l'ospedale e proporranno un percorso di qualità con l'audit", risponde Baglio. E il cittadino come si orienterà in questo sistema di valutazione? "Le persone hanno un altro strumento, il Portale della trasparenza - chiarisce il coordinatore Programma nazionale esiti - meno astruso perché orientato ai non addetti ai lavori. Il punto non è che il cittadino deve essere lascito solo a scegliersi la struttura migliore, ma è il sistema nel suo complesso che insieme al cittadino, che ha il servizio sanitario e il medico di medicina generale al suo fianco, lo aiuta a prendere decisioni consapevoli. Ecco perché sono importanti questi sistemi di empowerment".