2 Tac di nuova generazione al San Giuseppe di Milano


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 12 ott. (AdnKronos Salute) - Due new entry nel parco macchine dell'ospedale San Giuseppe di Milano. La nuova ala di Radiologia della struttura del Gruppo MultiMedica, inaugurata oggi alla presenza dell'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, ospiterà due Tac di nuova generazione che consentono di avere immagini più precise, con radiazioni ridotte fino all'80%. Strumenti con cui, spiegano gli esperti, sarà possibile eseguire una Tac del cuore e delle coronarie in meno di un secondo e in un unico battito cardiaco. Tra le funzioni dei nuovi macchinari anche la 'mappa dello iodio', che consente ad esempio di stabilire l'eventuale carattere tumorale di una lesione, mettendone in evidenza la vascolarizzazione.

"Nell'ottica della nostra riforma - ha evidenziato Gallera - queste nuove Tac che contengono al massimo la quantità di radiazioni irradiate sono molto importanti soprattutto per chi è costretto a continui controlli diagnostici". L'alta velocità di acquisizione delle immagine, e la possibilità di scomporre i materiali "sulla base di 3 mappe di densità", sono le qualità evidenziate da Maurizio Zompatori, direttore Unità di diagnostica per immagini del Gruppo MultiMedica.

"Questa recente acquisizione, grazie alla quale il parco tecnologico del Gruppo MultiMedica si arricchisce di due strumenti estremamente sofisticati - ha commentato Daniele Schwarz, amministratore delegato e direttore generale del gruppo - si inserisce in un ampio piano di investimenti che nel 2017 può essere quantificato in oltre 15 milioni di euro".