L'accesso a questo contenuto è riservato agli utenti registrati. Per continuare, clicca su accedi o registrati. La registrazione è gratuita
  • Difficile

Coronaropatia stabile con fibrillazione atriale: anticoagulanti in monoterapia o in combinazione con un agente antipiastrinico?

Nei pazienti con fibrillazione atriale (FA) e coronaropatia stabile (che non richiede rivascolarizzazione o non sia stata rivascolarizzata da > 1 anno), il trattamento che combina un anticoagulante orale diretto (direct oral anticoagulant, DOAC; rivaroxaban) con un agente antipiastrinico (antiplatelet agent, APA) possiede, rispetto a un DOAC in monoterapia, un rapporto rischio/beneficio: